Articolo L'eco di Bergamo

Informazioni Generali

  • 22/07/2021 - 12/08/2021
In merito all’articolo sotto riportato il Sindaco e l’amministrazione ci tengono a ribadire che dal loro insediamento, nel maggio 2019, hanno dimostrato massima disponibilità e collaborazione nei confronti di enti e associazioni promotori di eventi a favore del turismo locale.
 
Per l’evento “OROBIE Bike” l’ente organizzatore ha valutato di spostare l’evento a San Pellegrino Terme poiché il bacino di utenza permetteva agli espositori un maggior riscontro in termini di visibilità, promozione e vendita.
Per la Sagra della Mela “edizione 2019” parte degli accordi erano già stati presi con la precedente amministrazione e abbiamo dato seguito alle richieste e tutelato la manifestazione svoltasi ugualmente malgrado il maltempo.  
L’anno 2020 purtroppo è stato un anno che ha frenato ogni evento di questo tipo, ma siamo rimasti disponibili e pronti per ospitare la sagra, nessuna richiesta è pervenuta per l’anno 2021, probabilmente causa COVID non si era certi sulla fattibilità di un evento di tale portata.
Ci teniamo a far presente che i compiti dell’amministrazione (spazi, contributo, autorizzazioni ed implementazione del servizio di Polizia Locale) sono stati correttamente garantiti nell’anno 2019 mentre l’organizzazione della manifestazione era gestita principalmente dalla Proloco di Piazza Brembana che ha sempre seguito l’esposizione dei banchetti, il programma eventi culturali e folkloristici, laboratori e spettacoli e, con il supporto di Altobrembo, la promozione di eventi gastronomici che coinvolgevano non solo Piazza Brembana ma l’intera Alta Valle.
 
Rimaniamo comunque aperti al dialogo ed alla costruzione dei progetti e ad incontrare  gli organizzatori per chiarire ogni eventuale nodo e poter programmare l’evento per gli anni a venire,  con la speranza e l’augurio che la situazione epidemiologica permetta di ospitare una Sagra come si è sempre stati abituati a vivere per il turismo e il commercio locale.
Cordiali saluti, 
il Sindaco, 
Stefano Ambrosioni
torna all'inizio del contenuto